Streghe si nasce o si diventa?

10 Gennaio 2021 at 15:35

DOMANDA che mi viene posta ad ogni seminario, ad ogni corso, ad ogni raduno… insomma ad ogni occasione che mette in contatto vecchi Praticanti, come lo sono io, con nuove generazioni di aspiranti esoteristi. La risposta che amo dare non è mia, ma una citazione di Blanchefort:

Streghe o si nasce, o lo si diventa.

Stones balance on beach, sunrise shot

L’esempio che l’autore portava ad argomentazione di questa tesi era a mio avviso particolarmente calzante: ci sono due uomini, entrambi benestanti. Il primo discende da una famiglia agiata, e non ha molto faticato a creare un suo patrimonio, il secondo invece proveniva da una situazione difficile, ma con impegno e costanza è infine riuscito ad arrivare. Entrambi questi uomini sono benestanti, anche se uno dei due ha investito molti anni per diventarlo.

Seguendo questo esempio, c’è chi nasce con una particolare predisposizione all’Arte Magica, e con magari taluni poteri già sviluppati. Altri nascono da una stirpe di Praticanti, e vengono Iniziati già nel corso dell’infanzia e dell’adolescenza ai Misteri. Taluni, i più sfortunati, nascono in famiglie o ambienti che ostacolano la crescita esoterica e spirituale, come nel caso delle famiglie molto religiose che ostacolano le domande, l’evoluzione e quindi lo sviluppo di quella sensibilità e di quei poteri che contraddistinguono un Praticante.

La buona notizia è che la condizione iniziale in cui s’inizia il Cammino è irrilevante ai fini del proprio percorso Iniziatico: quello che contraddistingue un Praticante è la Volontà di imparare, di praticare, di progredire e di evolversi. Quella che mi piace chiamare la Ricerca Spirituale. A prescindere da qualsiasi sia la situazione di partenza, questa Ricerca è tutto quello che conta: anche una famiglia di Praticanti non inizia un suo membro che non dimostri questa predisposizione. Anche la persona più dotata del mondo non saprà coltivare e sviluppare i suoi poteri se non studia e non pratica con costanza. Al contrario, il più umile ed ordinario degli uomini, rispondendo alla chiamata con impegno e costanza nello Studio e nella Pratica, può raggiungere inimmaginabili vette dello Spirito.

Ecco quindi la semplice risposta a questa difficile domanda: streghe si diventa, solo se lo si vuole diventare.