L’oracolo di Delfi

7 Giugno 2020 at 06:08

SICURAMENTE IL PIU FAMOSO Oracolo dell’Antichità, l’Oracolo di Delfi era dimora della Pythía, la più grande figura di Profetessa le della cultura greca del periodo classico. L’oracolo era situato presso la città di Delfi, dal quale prende il nome, all’interno di un tempio dedicato ad Apollo. L’Oracolo di Delfi era talmente famoso e rinomato che, quando venne distrutto da un incendio nella seconda metà del VI secolo a.e.c., non solo la Grecia ma persino l’Egitto finanziarono la sua ricostruzione. Quella di seguito riportata è l’illuminante iscrizione situata presso l’entrata dell’Oracolo. Ti avverto, chiunque tu sia. Oh, tu che desideri sondare gli Arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei. Oh, Uomo conosci te stesso e conoscerai l’Universo […]

L’Aceto dei Quattro Ladri

6 Maggio 2020 at 08:16

GLI ACETI a base di erbe ad uso terapeutico erano conosciuti fin dai tempi di Ippocrate, ma è con la peste del 1680 che questo tipo di rimedi si diffonde anche tra la gente comune. Il motivo di questa diffusione, come spesso accade, dipende da una leggenda che lo riguarda: quella dei Quattro Ladri. La storia narra che proprio in quegli anni, durante l’epidemia di peste di Tolosa, una banda di quattro ladri fu arrestata mentre depredava i malati. Durante il processo essi rivelarono il metodo che consentiva loro di non ammalarsi, il quale era per l’appunto questo aceto. Un’altra versione della storia, meno diffusa, parla di sette ladroni condannati a seppellire i morti di peste, che utilizzarono un unguento simile per non ammalarsi durante la pena. A seconda dell’origine della storia si utilizza una base di 4 o di 7 erbe, ma ve ne sono infinite varianti con aggiunta […]

Apprendere la Magia

2 Aprile 2020 at 07:15

Con la sempre crescente abbondanza di informazioni che notiamo in questa nostra Era della Comunicazione, sempre più persone possono avvicinarsi ad argomenti e pratiche che solo cinquant’anni fa erano precluse alla maggior parte delle persone. E’ il caso, ad esempio, delle Pratiche Magiche. Fino a pochissimo tempo fa l’apprendimento della cosiddetta Antica Arte richiedeva moltissimo impegno, moltissime ricerche, moltissima pratica, e nella stragrande maggioranza dei casi per essere davvero efficace aveva bisogno della guida di qualcuno più esperto, che guidasse il Neofita attraverso il Percorso Iniziatico. Questo tipo di guida si rendeva necessaria in quanto tutti Trattati Esoterici erano concepiti e scritti per avere livelli di comprensione, motivo per cui la lettura da parte di un neofita lascia certe informazioni e concetti, la lettura dello stesso testo da parte di un Praticante Esperto ne lascia completamente altri. Inoltre tutti i Grimori antichi contenevano (e contengono) volutamente molti errori, incongruenze, trabocchetti. […]

Lo Chamalongo

24 Marzo 2020 at 09:19

LO CHAMALONGO è un antico metodo divinatorio di stampo africano usato nel Palo Mayombe non solo per predire il futuro, ma soprattutto come metodo di comunicazione con le ‘nganga e gli spiriti dei defunti. Nel misticismo africano infatti tutte le divinazioni sono legate alla risposta degli spiriti che vengono invocati prima di procedere, e che vengono ringraziati con offerte e preghiere a rituale concluso. Nulla vieta di utilizzare questo metodo come siamo abituati in occidente, ma è sempre consigliabile tenere bene a mente i principi sui quali si basa la sua lunghissima tradizione. Per la divinazione vera e propria si usano quattro dischi ricavati da una noce di cocco, in modo che abbiano un lato bianco ed uno nero. Si può utilizzare anche la buccia del frutto: in questo caso il lato interno e più liscio sarà il bianco mente quello esterno e peloso il nero.Una volta realizzati i dischi, […]

Schopenhauer e l’elogio alla Solitudine

19 Marzo 2020 at 07:41

SCHOPENHAUER è certamente uno dei più grandi pensatori del XIX secolo, e ci ha lasciato una preziosa eredità di scritti, pensieri, idee sempre disilluse e brutalmente realistiche della natura umana. Ho scelto tre particolari pensieri, che contengono il pensiero, particolare, crudo, ma profondo e saggio, di questo grande filosofo riguardo uno dei concetti più fraintesi e meno considerati in questa nostra epoca moderna: la solitudine. Ciascuno fuggirà, sopporterà, oppure amerà la solitudine, in una proporzione esatta con il valore della sua personalità. Nella solitudine infatti il miserabile sente tutta quanta la sua miseria e il grande spirito tutta la sua grandezza, ciascuno in breve sente di essere ciò che è. L’uomo ricco di spiritualità aspirerà anzitutto all’assenza di dolore, all’essere lasciato in pace, alla calma e all’ozio, cercherà dunque una vita tranquilla, modesta, ma quanto più è possibile indisturbata, e in conformità a ciò, dopo aver conosciuto per qualche tempo […]