Riflessioni sull’Oscurità…

12 Dicembre 2020 at 18:26

Buon giorno, Viandanti. Il Sabato, soprattutto se in condizioni planetarie come quelle di oggi, è il giorno ideale operare rituali di bando, costrizione, introspettivi ed in generale tutte quelle pratiche, meditazioni, divinazioni che esplorino la parte oscura della vita. Questo aspetto dell’Arte è sovente temuto ed evitato dai Praticanti dell’Arte, e molto spesso mi si chiede, soprattutto da parte dei neofiti e di chi pratica la magia in modo molto “new age”, se risulti alla fine saggio operare anche in questi ambiti, e se non sia meglio evitare del tutto di avventurarsi nelle tenebre. Da Praticante e Gran Sacerdote che opera da ormai tre lustri nel campo Esoterico, posso dire che, secondo la mia esperienza, non solo non v’è nulla di male nell’esplorare questi aspetti dell’esperienza esoterica, ma addirittura è cosa necessaria e fondamentale per lo sviluppo sano ed equilibrato di una spiritualità, così come per la pienezza e la […]

Il malocchio secondo la tradizione Zingara

11 Novembre 2020 at 11:33

Ormai da molti anni vivo in Romania, terra di antiche tradizioni e superstizioni: unico luogo in Europa che conserva ancora vive e vibranti le usanze e gli insegnamenti dell’antico paganesimo europeo. Proprio in questa terra magica e meravigliosa ho imparato moltissimo sulla Stregoneria Tradizionale, sulle sue tradizioni, sulle sue usanze, sui suoi costumi che qui sono integrati nella vita quotidiana. Tra questi usi e costumi, ho potuto apprezzare in particolar modo i vari accorgimenti che soprattutto gli Zingari utilizzano per attirare la fortuna ed allontanare il malocchio, che nella loro cultura viene considerato di più come qualcosa che attiriamo con cattive abitudini o comportamenti che una maledizione che ci viene scagliata contro intenzionalmente da qualche fattucchiera. I consigli di seguito sono presi soprattutto da racconti orali e consigli presi nel corso dei miei viaggi nelle comunità dei villaggi isolati della Transilvania, ma anche da alcuni ottimi testi come ad esempio […]

I Tre Setacci

6 Agosto 2020 at 04:52

IL PENSIERO SOCRATICO è un caposaldo della filosofia antica, ma anche l’origine della filosofia moderna. L’influenza di Socrate è ancora viva e potente al nostro tempo, nonostante siano passati più di ventiquattro secoli da quando il sommo saggio ci ha lasciati.I suoi insegnamenti meritano certamente studi infiniti, ma come tutti i concetti veramente saggi può essere riassunto e ben rappresentato dal racconto che segue: uno dei suoi più celebri dialoghi.

L’oracolo di Delfi

7 Giugno 2020 at 06:08

SICURAMENTE IL PIU FAMOSO Oracolo dell’Antichità, l’Oracolo di Delfi era dimora della Pythía, la più grande figura di Profetessa le della cultura greca del periodo classico. L’oracolo era situato presso la città di Delfi, dal quale prende il nome, all’interno di un tempio dedicato ad Apollo. L’Oracolo di Delfi era talmente famoso e rinomato che, quando venne distrutto da un incendio nella seconda metà del VI secolo a.e.c., non solo la Grecia ma persino l’Egitto finanziarono la sua ricostruzione. Quella di seguito riportata è l’illuminante iscrizione situata presso l’entrata dell’Oracolo. Ti avverto, chiunque tu sia. Oh, tu che desideri sondare gli Arcani della Natura, se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi non potrai trovarlo nemmeno fuori. Se ignori le meraviglie della tua casa, come pretendi di trovare altre meraviglie? In te si trova occulto il Tesoro degli Dei. Oh, Uomo conosci te stesso e conoscerai l’Universo […]

Schopenhauer e l’elogio alla Solitudine

19 Marzo 2020 at 07:41

SCHOPENHAUER è certamente uno dei più grandi pensatori del XIX secolo, e ci ha lasciato una preziosa eredità di scritti, pensieri, idee sempre disilluse e brutalmente realistiche della natura umana. Ho scelto tre particolari pensieri, che contengono il pensiero, particolare, crudo, ma profondo e saggio, di questo grande filosofo riguardo uno dei concetti più fraintesi e meno considerati in questa nostra epoca moderna: la solitudine. Ciascuno fuggirà, sopporterà, oppure amerà la solitudine, in una proporzione esatta con il valore della sua personalità. Nella solitudine infatti il miserabile sente tutta quanta la sua miseria e il grande spirito tutta la sua grandezza, ciascuno in breve sente di essere ciò che è. L’uomo ricco di spiritualità aspirerà anzitutto all’assenza di dolore, all’essere lasciato in pace, alla calma e all’ozio, cercherà dunque una vita tranquilla, modesta, ma quanto più è possibile indisturbata, e in conformità a ciò, dopo aver conosciuto per qualche tempo […]