Popular Tags:

La Mano della Gloria

31 Maggio 2015 at 19:21

Poco è giunto sino ai giorni nostri di questo potente artefatto negromantico, che si dice essere stato molto diffuso soprattutto nel XVIII secolo. La Mano di Gloria (o Mano della Gloria) è di fatto la mano di un criminale morto per impiccagione, che viene amputata, conciata, disseccata e utilizzata come candelabro. Secondo la Tradizione questo artefatto era molto utilizzato dai ladri, in quanto permetteva di aprire ogni porta e di paralizzare chiunque posasse il suo sguardo sul lume della candela. Date le potenti corrispondenze (la mano, il possesso, la volontà, l’atto) è probabile che potesse essere utilizzata per molte altre pratiche negromantiche, come il dialogo con i defunti ed il dominio degli spiriti. Di seguito la descrizione, tratta dal Piccolo Alberto, di come veniva realizzata la Mano di Gloria: “Prendere la mano destra o sinistra di un criminale appeso ad una forca accanto ad una strada principale. Avvolgerla strettamente con un […]

Occhio di Marte

16 Aprile 2015 at 22:41

Profondamente radicati nell’animo dell’uomo albergano luci ed ombre. Come in alto, così in basso recita la Tavola Smeraldina: come il cuore è capace d’elevarsi alle più alte vette di nobiltà ed empatia, così può spingersi nei più profondi abissi di rancore e vendetta. Fin dai tempi antichi i più bassi istinti dell’uomo hanno trovato terreno fertile sia nei gabinetti di professionisti dell’occulto che dentro le mura di invidiose massaie e mediocri inaciditi, dove ira ed invidia venivano e vengono sfogate attraverso pratiche come la fattura ed il malocchio. L’aspetto più subdolo di tali pratiche sta nel fatto che la semplice, e a volte errata convinzione d’esserne inerme bersaglio porta all’innescarsi di inconsci meccanismi autolesivi che portano spesso a conseguenze terribili sia a livello emotivo che a livello fisico. L’aiuto in questo senso viene dal fatto che, secondo l’universale principio che ogni azione genera una reazione uguale e contraria, la stessa esistenza di […]

La Signatura Rerorum

11 Marzo 2015 at 21:33

Il concetto di Signatura Rerorum (letterarlmente firma delle cose) è un’antica saggezza tramandata nelle culture precristiane per secoli derisa quando non dimenticata. Oggigiorno questo semplice quanto utile concetto sta pero tornando alla ribalta grazie ai numerosi studi che ne confermano sempre più l’efficacia. In pratica la Firma delle Cose afferma che ogni tipo di frutta e verdura segue un modello: ogni vegetale rispecchia nella forma una parte del corpo umano, e se mangiato apporterà al suo organo corrispondente grandi benefici. Secondo le antiche culture questa corrispondenza è la “firma” che gli antichi Dei hanno lasciato in tutte le cose per aiutare l’uomo e per fargli comprendere come esso sia legato indissolubilmente alla natura, e non qualcosa al di sopra di essa. Per comprendere meglio questa teoria si possono portare molti esempi concreti: I fagioli curano e aiutano a mantenere sane le funzioni renali, ed ai reni umani somigliano. Le noci […]

Lupercali e San Valentino

14 Febbraio 2015 at 08:53

In pochi sanno che la tradizione, commerciale più che religiosa, di San Valentino non ha origini cattoliche: ben prima della celebrazione del santo romano infatti, per la precisione nell’antica Roma, nei giorni centrali del mese di febbraio si celebravano dei curiosi e già antichi rituali per propiziare la fertilità: i Lupercali.  Il nome di queste festività era in onore del Faunus Lupercus, un’antica e selvaggia divinità boschiva successivamente identificata con il Pan Liceo, protettore dei boschi ma anche dei bestiami e dei greggi. A questa leggenda si unisce e si mescola quella di  Juno Februata, ovvero Giunone Purificata: secondo i racconti di Ovidio al tempo di Re Romolo vi fu un lungo periodo di sterilità delle donne romane, che per questo si recarono fino al bosco sacro di Giunone sul colle Esquilino, e qui si prostrarono in supplica. La Dea promise di ridare fertilità alle donne se queste si fossero […]

Come scegliere un Operatore Esoterico

5 Gennaio 2015 at 08:13

Molto spesso, parlando sia con nuovi che con vecchi clienti, mi vengono raccontate le difficoltà che hanno avuto avvicinandosi a questo mondo, soprattutto nella scelta dell’Operatore cui affidarsi. Solitamente rispondo che la prima e più importante cosa da tenere in considerazione è certamente il proprio istinto: spesso il cuore conosce quel che la mente ignora. Proprio per facilitare questo processo istintivo, nella mia storia come Operatore Esoterico ho sempre messo il mio nome e la mia faccia, e ho notato come questo, unito al passaparola dei clienti soddisfatti e soprattutto alla serietà e alla trasparenza nei primi contatti, facciano la differenza rispetto a grandi pubblicità, altisonanti titoli o esagerate auto-referenziazioni. A volte però l’istinto non basta, e purtroppo questo ambiente è afflitto da alcuni individui disonesti che si approfittano del dolore e del bisogno delle persone, mettendo in cattiva luce tutto il mondo esoterico e anche quanti cercano di operare in modo onesto e coscienzioso. Proprio […]